Il progetto “Face to Face” si struttura come laboratorio artistico pensato e costruito per gli utenti dei vari servizi gestiti dalla Cooperativa Azzurra di Darfo Boario Terme. Risponde ai requisiti richiesti dal bando attraverso la realizzazione di opere/manufatti di matrice artistica, pensati per una collocazione permanente in spazi ed ambienti da riquali care, individuati nel comune di Pisogne e nella zona del lago Moro nel comune di Darfo Boario Terme.

Fasi iniziali del laboratorio artistico – Creazione grafica dei bozzetti.

I bozzetti delle installazioni.

Per la costruzione delle grandi maschere si è reso necessario provvedere alla realizzazione di supporti su cientemente stabili e utili a creare la ca- ratteristica forma convessa/concava della maschera.

I partecipanti hanno contribuito tutti alle varie fasi del progetto potendo così sperimentare ruoli e situazioni diverse.
La lavorazione della creta ha previsto interventi mirati a scoprire le qualità intrinseche del materiale con lo studio delle varie modalità di realizzazio- ne della super ce plastica. Sono state realizzate formelle con variazioni di testurizzazione.

Il lavoro con la creta ha permesso a tutti di entrare in contatto con un materiale altamente espressivo e ricco di stimolazioni sensoriali.

Osservazioni

L’obiettivo della realizzazione di grandi maschere in creta, da installare in luoghi pubblici esterni e fruibili liberamente da parte di tutti, ha costituito una forte motivazione al lavoro in termini di visibilità e di riconoscimento del proprio “saper fare”.
La continuità e la permanenza per un periodo medio-lungo dell’attività ha consentito di osservare l’andamento delle relazioni tra i componenti del gruppo tra di loro e tra i conduttori; si è potuto notare un crescente interesse per la ricorsività degli incontri, le aspettative per il risultato e la messa in opera dei lavori.

Si sono potuti approfondire l’apprendimento e la sperimentazione di tecniche espressive con materiali artistici come la manipolazione della creta e colori smalti. Il gioco dei ruoli ha consentito la partecipazione di tutti nelle successive fasi della realizzazione, favorendo anche gli interventi verbali, gestuali e lo scambio di opinioni sulle scelte e nelle considerazioni in relazione agli stimoli reciproci. Le fasi di realizzazione del progetto hanno seguito non solo una cronologia didattica atta al conseguimento dell’obiettivo preposto, ma anche e soprattutto l’offerta di elementi simbolici e  significativi sui quali inserire il lavoro concreto; per esempio la costruzione del sostegno sul quale costruire in seguito le maschere di creta (alimentare il senso di sicurezza e di fiducia nel fare, base sicura); l’accettazione del fattore sorpresa da parte del gruppo come l’andamento e apertura alla dimensione data dall’uso dei colori a smalto e delle loro caratteristiche di mutazione cromatica in fase di cottura.

Conclusioni

Il progetto e la sua realizzazione ha costituito un’ esperienza significativa ed intensa per ciascuno dei partecipanti.
Ancora più importante e interessante è ststa la possibilità di osservare i processi artistici intervenuti durante la progressione del lavoro: si sono operate scelte condivise, sono state formulate proposte, pareri e opinioni di erenti, così come sono state espresse e manifestate emozioni ed affetti nei confronti degli oggetti prodotti e rispetto agli altri componenti del gruppo e ai conduttori.

Incontro dopo incontro crescevano le aspettative rispetto ad un risultato desiderato e ipotizzato.La colorazione delle maschere, previa la cottura a forno presso un ceramista locale, ha incontrato momenti di particolare coinvolgimento e intensità: la coloritura a smalto, che prevede una ulteriore e successiva cottura della maschera, per le particolari caratteristiche dei colori che, al momento della cottura subiscono notevoli e a volte imprevedibili modi cazioni rispetto allo stato originario, ha lasciato aperte molte strade, sia a livello emotivo che tecnico.

Incontro dopo incontro crescevano le aspettative rispetto ad un risultato desiderato e ipotizzato.La colorazione delle maschere, previa la cottura a forno presso un cerami- sta locale, ha incontrato momenti di particolare coinvolgimento e intensità.

Schermata 2017-03-07 alle 11.47.52

La coloritura a smalto, che prevede una ulteriore e successiva cottura della maschera, per le particolari caratteristiche dei colori che, al momento della cottura subiscono notevoli e a volte imprevedibili modi cazioni rispetto allo stato originario, ha lasciato aperte molte strade, sia a livello emotivo che tecnico.